Quando una persona decide di dedicarsi allo studio dell'astrologia, in ogni caso deve scontrarsi con il dilemma filosofico, e se vuole diventare veramente bravo, deve cercare di capire ciò che viene interpretato in ciascuno dei segni che l'astrologia svela.

Tanti astrologi non sono mai andati oltre questa prima fase di conoscenza (anche se molti di questi sono considerati molto bravi). Si limitano alla realizzazione della carta astrale ripetendo certe formule interpretative; come se l'astrologia fosse un conoscenza di ripetizioni prima che un cammino di saggezza che come tale richiede uno sforzo interpretativo.

Come la cartomanzia anche l'astrologia si appella certamente a dei simboli e la forza di ogni astrologo sta nella loro interpretazione (i segni zodiacali). Questo è dunque uno dei temi fondamentali nel cammino dell'astrologia, e cioè capire il significato generale dei segni dello zodiaco.

Ciò che andremmo a spiegare non si basa su alcun tipo di testimonianza archeologica o fonte di alcun tipo. Si tratta di ciò che noi consideriamo la storia della creazione della coscienza umana; una storia che trova varie interpretazioni (molte delle quali opposte) e che è oggetto del dibattito filosofico.

Quello che cerchiamo di fare è raccontare questa storia in modo semplice e narrativo. Immaginate alcuni individui che, nell'antichità, contemplavano il cielo. Non è la prima volta che l'umanità contempla il cielo. Gli individui in questione sono gli eredi di una contemplazione che sta lentamente ma inesorabilmente prendendo piede nella coscienza umana.

Le persone a cui ci riferiamo sono ovviamente legate ad un'infinità di faccende e di relazioni quotidiane; alle altre persone, agli animali, alla natura stessa. Ed infatti queste persone iniziano a notare che in cielo si manifestano certi simboli riferiti a tante delle cose che essi vivono quotidianamente. Ad esempio un toro o un leone.

Tarocchi Gratis

E' così che nascono i segni zodiacali Nessuno però ci può assicurare che questi segni che l'umanità ha imparato a vedere siano effettivamente lì; è come se il cielo dovesse dirci qualcosa. Siamo noi che vediamo qualcosa nel cielo, non è necessariamente il cielo a mostrarcelo. Capire questo concetto, è fondamentale e fa la differenza tra ciò che si pensa sia bene o male dell'astrologia.

Quelli che pensano che i segni zodiacali siano lì (nella realtà extra-umana) vogliono affermare che essi stanno interpretando il messaggio degli dei. Per opposto, chi intende che ciò che l'umanità vede non è necessariamente ciò che è, sa che l'astrologia è una forma di conoscenza rivolta esclusivamente all'anima umana.

Allora è possibile affermare che l'astrologia aiuta a comprendere l'umanità, la sua coscienza e da qui il suo futuro. Ciò che gli uomini vedono nel cielo non è una cosa qualsiasi. Si tratta di simboli che rappresentano il modo in cui l'umanità intende prima di tutto se stessa e poi tutto ciò che esiste intorno.

Dove si trova "il toro" si vede un simbolo di alcune essenze umane; diversamente il sagittario o la vergine sono simboli che rappresentano altre essenze. Ecco perché diciamo che con i segni zodiacali e con il loro studio, l'uomo impara a conoscere se stesso, perché è lui che ha visto delle "cose" nei cieli.

Chi sa che cos'è in "realtà" la percezione umana? Non dobbiamo necessariamente imparare a vedere la realtà al di là di noi stessi, ma in noi.

Tarocchi Gratis